Postura o movimento: quale tra i due è più decisivo?


Proponiamo un interessante articolo tratto dal blog di TMPI a cura del professor  Inaki Pastor Pons, che affronta una riflessione legata alla postura e al movimento dei neonati.
Buona lettura!

Non tutti gli articoli che si leggono lasciano qualcosa, anche perché spesso è difficile trovare un argomento a cui si è davvero interessati.
Ne ho adorato uno in particolare, però, dal titolo  ”Lo sviluppo del comportamento motorio” di Karen Adolph e John Franchak , in cui gli autori propongono una recensione molto interessante dell’aspetto motorio nel bambino da una prospettiva in via di sviluppo.
Come sapete, lo sviluppo genetico e ontogenetico è un aspetto molto rilevante per quanto riguarda la TMPI: l’articolo spiega  in dettaglio gli aspetti dell’apprendimento nel camminare e anche quelli legati alla deglutizione, al succhiare, masticare, mimare, parlare o guardare.

 

Il valore nascosto della postura

Quello che mi è piaciuto di questo articolo è che non si riferisce al movimento come unico aspetto rilevante dello sviluppo del bambino, ma evidenzia in modo specifico il valore della postura nella costruzione neurologica. Dice:

“La postura è la più fondamentale delle azioni motorie, è il fondamento su cui sono costruite altre azioni ” .

Sapevamo già che il controllo posturale è un grande traguardo evolutivo per quanto riguarda i neonati ma qui possiamo comprendere come la postura sia davvero una parte essenziale della costruzione sia motoria che sensoriale da parte del bambino. Infatti, senza stabilità propriocettiva, come è possibile integrare input visivi, vestibolari o tattili?

Quindi, quando facciamo una valutazione della scala di Alberta (AIMS) mi piace prestare particolare attenzione alla qualità del controllo posizionale , e non solo con un AIMS: per me è fondamentale in qualsiasi esame clinico di un bambino in fisioterapia pediatrica. Naturalmente, dobbiamo anche osservare la qualità dei cambiamenti o dei movimenti posizionali.

Nei bambini più grandi guardiamo anche alla stabilità e al controllo posturale ed è molto interessante riscontrare che, quando non c’è un buon controllo posturale, i movimenti sono solitamente meno precisi.

In effetti, c’è un bel lavoro da svolgere sia con i bambini che con le loro famiglie. Cercare di garantire esperienze di postura quando il bambino non è in grado di farlo da solo è già un inizio di programmazione del controllo motorio. E penso sia un inizio molto interessante!